Italiano
Italiano
SAF H Series hero.
White Paper

Stampa 3D per produzione di volumi elevati.

dicembre 20, 2021

Produzione in serie con la tecnologia di stampa 3D SAF

La domanda di parti in plastica in diversi settori non mostra segni di rallentamento. Dopo una leggera flessione nel 2020 a causa della pandemia mondiale, le proiezioni attuali prevedono una crescita media annua intorno all'8%, raggiungendo 1,2 trilioni di dollari nel 2023. Una delle tecnologie su cui i produttori fanno affidamento per soddisfare questa domanda di produzione è la stampa 3D. La fabbricazione additiva offre un modo per le aziende automobilistiche, i produttori di beni commerciali e i produttori di prodotti di consumo di produrre parti di produzione in plastica quando altre tecnologie come lo stampaggio non sono ottimali.

 

Per chi non ha familiarità con la stampa 3D, si tratta di una tecnologia in grado di fabbricare oggetti usando un processo additivo. Per questo motivo, è anche conosciuta come produzione additiva. Un modello CAD della parte da costruire viene virtualmente "affettato" utilizzando un software di preparazione alla stampa 3D. Queste informazioni sono poi utilizzate dalla stampante 3D per depositare materiale per costruire ogni fetta in modo strato su strato fino a quando la parte è completa. Le stampanti 3D impiegano una grande varietà di materiali ed utilizzano diverse metodologie.

 

Per volumi di produzione inferiori a diverse centinaia di migliaia, la stampa 3D è in molti casi la soluzione migliore. Questo perché la fabbricazione additiva ha dei vantaggi intrinseci rispetto a tecnologie come lo stampaggio a iniezione in questo contesto. Innanzitutto, la produzione additiva è una tecnologia "tool-less". Non c'è nessun investimento in utensili necessario per realizzare le parti, come avviene con lo stampaggio. Questo la libera dalle limitazioni poste dalle economie di scala, permettendo la produzione su richiesta e la capacità di produrre in quantità non economicamente possibili con le altre tecnologie.

Scarica il White Paper.